OCR Interpretation


Cronaca sovversiva. [volume] (Barre, Vt.) 1903-1920, June 06, 1903, Image 4

Image and text provided by University of Vermont

Persistent link: https://chroniclingamerica.loc.gov/lccn/2012271201/1903-06-06/ed-1/seq-4/

What is OCR?


Thumbnail for

CRONACA SOVVERSIVA
zione, per le vie, per le case, nei pubblici
ritrovi, per le fabbriche, tra le masse la
voratrici in modo particolare tra cui le
nostre idee trovavano simpatie e terreno
meraviglioso.
Noi siamo qui ora, permettetemi la
espressione, sotto zero per quanto ai
mano riguarda l'agitazione; di scioperi, se
si eccettua quelio dei carrettieri del car
bone, finito bene, non ne abbiamo visto
più, propaganda rivoluzionaria delle ideo
emancipatrici poca o finita, l'organizzazio
ne libera dei lavoratori all'infuorl delle
vecchie formule e della ferrea tutela dei
cattivi pastori trascurata deplorevolmente
. E parlare d'incoscienza operaia sarebbe
ritornello stanco e poco sincero; manca la
attività, l'energia di agitatori e di compa
gni e la cosa è tanto più da lamentarsi in
in Paterson che ba il vantaggio di avere
un giornale che di questa tattica ha fatto
il suo programma.
Non sonò tessitore, nè saprei al giusto
dirvi In quale condizioni di sviluppo si
trovi 1' organizzazione di questi nostri
compagni di pena; so però che anch' essi
come noi, gli iloti delle tintene, sotto il
pungolo del cottimo affilato ed avaro sono
dannati, poveri accessorii dell'instancabi
le telaio, ad un lavoro galeotto che non
lascia loro uè salate, uè energia, ne pane
e vorrei vederli.stretti in un sol fascio,re
clamare solidali un trattamento'più . uma
no, un pò più di pane, un pò più di be
nessere per se e pei loro cari.
Quando all' unione dei tiiitori&B, quale
sono ascritto, essa è sempre bambina .nè
accenna a sviluppo o ad incremento sen
sibile. I criteri! di coloro che l'ispirano
sono ben lontani da quelli battaglieri con
cui s' era istituita in un moment irrequie
to di lotta.
Ora siamo tornati all'invariabile mono
tona arietta dell'organino unionista, sala
rii, ore di lavoro e disciplina senza mai
un eretica stonatura che schiaffeggi il re
gime economico nella sua iniqua costitu
zione, o5 quello politica che lo Teste !1B
protegge. Eppurre le lotte operaie debbo
no nove volte su dieci ascrivere le loro
sconfitte più al sentimento l'autorità che
non agli scals. ;
Aggiungete a tutto questo imgombro
conservatore le bizze del regionalismo, le
competizioni ignobili sul salario e sul la
voro, l'ii d fferenza dei più ed avrete le r i
gioni dell'anemia che strema le unioni e
ringagliardisce l'esosità dei nostri sfrut
tatori i quali bruciano dalla voglia di ten
tare uii ribasso di salarli e toglierci così
quello scudo che, contentino della paura
all'audacia, s'erano lasciati sfuggire di
mano dopo le agitazioni del giugno scorso.
Hanno cominciato a tenere in non cale
'orario settimanale, la pecoraggine degli
schiavi li autorizzerà a ridurre anche i
salarli. -
Manco a dirlo idrofobo iniziatole di
questo ritorno all'antico regime è sempre
il Wcidman persecutore furibondo dei so
spetti d'anarchia e degli unionisti a cui
intima lo sfratto da un'ora all'altra, senza
ragione, senza motivazione, perchè cosi
piace a lui finché.... qualcuno non gli ren
da la pariglia... di Holstein.
G. dì Nardo.
è conquista civile dell'azione pacifica e le
galitaria, lo dicono tutti ...i socialisti par
lamentari. Se la realtà, gli anarchici e la storia di
mostrano che dappertutto, come a Spring
field, le eosidette guarantigie costi frizio
na' i sono lustre e nient'altro che lustre ove
non le appoggi della sua diuturna prote
sta rivoluzionaria la coscienza dei lavora
tori gli è che la realtà, gli anarchici e la
storia sono... dei metafisici.
" ',V.,v
NEW LONDON, CÓNN.
Mille ottoc8nto operai addetti ai can
tieri di Croton minacciano di abbandona
re il lavoro se la compagnia non accetta il
limite d'orario di 55 ortì la settimana.
Essi lavorano attualmente sessanta ore!
e per chi sa quanto il lavoro sia in quella
bolgia grave e penoso la richiesta degli
operai di Croton non può che apparire
eccessivamente modesta e discreta, i
Non per la,comp gnia ad ogni modo la
quale non pare disposta a scendere oltre
il limite di cinquantasette ore la settimana
E' quindi facile che lo sciopero sia di
chiarato ed in tal caso confidiamo che, al
la guerra come alla guerra, gli scioperan
ti domai dino Torino di cinquanta ore che
è già eccessivo; confidiamo ancora che la
vigilanza attiva dei molti e nostri bravi
compagni di New London sbarri la via ad
ogni intromissione di politicanti e d'ar
luffoni, alle consuete camorre dei faccen
dieri ed alle non meno consuete frodi dell'arbitrato.
1
SPRINGFIELD, MASS.
Gli operai della fabbrica d' armi Smith
& Yesson lavoravano da qualche tempo a
raccogliere il personale dello stabilimento
in sezione. dell'Unione della loro arte.
I padroni fiutato il pericolo cominciaro
no per mettere alla porta come istigatori
gli operai più vecchi e più stimati dai loro
compagni ed emauarono subito un ukase
avvertendo che la fabbrica si sarebbe chiu
sa e non si sarebbe riaperta che per colo
ro i quali denunziassero gli iniziatori del
l'Unione e firmassero nel contempo il se
guente statement: "Dichiaro che non sono
" membro di alcuna unione che non vi
"apparterrò mai finché starò agli stipendi
delladitta Smith, Vesson & Co. e che
" ove intendessi aderire ali Unione ne da
" rei preavviso ai miei padroni."
L'America è senza dubbio la terra della
libertà, lo dicono tutti ...i repubblicani di
là dell'atlantico; la libertà d'associazione
LOWELL, MASS.
Gel primo Giugno i cotonificii della cit
tà e dintorni saranno riaperti. E' un espe
rimento che i padroni tentano sulla mise
ria e sulla demoralizzazione di diciasette
rnila tessitori disfatti da tre mesi diinedia.
Ricorderete senza dubbio che alla dichia
razione dello sciopero per parte dei lavo
ratori, sui primi di marzo, i padroni ri
sposero con un look-out così pronto e così
concorde da sconcertare sullè prime la re
sistenza e l'energia degli scioperanti.
Il morale ed il coraggiosi questi è ora
fortunatamente cosi alto e cosi concorde
è in tutti il proposito d'astenersi dal la-
voio che il turpe tentativo dei padroni
sarà fatto in pura perdita.
Con: ro l'arrendevolezza possibiledi un
nucleo d'incoscienti è buona garanzia la
fermezza dei loomfixers e dei caricatori
Senza di loro non è possibile riprendere
il lavoro ed essi sono decisi a non tornare
all'officina prima che alle loro domande di
-
miglioramento sia risposto in modo sod
disfacente. E cosi sia !
LAUREL CREECK, W. Va.
Dopo alquanti giorni di trattative e do
po aver esaurito tutte le risorse della per
suasione per indurre gli operai non unio
nisti ad entrare nell'Unione e ad essere
solidali con loro nel presente sciopero i
minatori di questo bacino carbonifero cer
carono la mattina del 27 Maggio u. s. di
penetrare nelle miniere e scacciarne gli
scabs.
Avendo la polizia contrastato il passo agli
scioperami scoppiò un conflitto gravissi
mo in cui qualche centinaio di colpi di
rivoltella e di vetterly fu scambiato tra le
due parti.
Nessun ferito tra gli scioperanti, dalla
parte della polizia un solo ferito grave, il
policeman Marshall Brown.
Sono prevedibili altri conflitti essendo
gli scioperanti decisi a purgare il bacino
dallo scabhismo; e poiché i minatori di
Laurei Cheeck appoggiano più alle buone
armi che alle sterili proteste parolaie il
loro onesto proposito, c' è da sperare che
la spunteranno. Avranno in ogni caso da
to un buon esempio. ?
Al prossimo numero cui faremo la pub
blicazione dello studio sui
MEZZI D' ESISTENZA
mandato alla Cronaca Sovversiva da W1
THARSTON BROWN.
DALL'ESTERO
RUSSIA.
Un delegato della società Tedesca per
protezione degli ebrei ha compiuto per
conto della società stessa un inchiesta sui
recenti massacri di Kischineff assodando
che 700 caso furono demolite, C00 negozii
svaligiati, 20.000 persone gravamento dan
neggiate, che 10.000 sono senza ricovero e
mezzi di sussistenza.
I morti sono 45, i feriti gravemente 84,
i leggermente feriti 500.
Curiosa una circostanza! la popolazione
ebrea che a Kiscineff subì durante molti
'giorni tutti gli oltraggi, dal saccheggio fi
no allo stupro violento, cont t pure alcune
famigie ngiate ai cui membri non fu tòrto
un capello.
Non lo rileviamo per dolercene; noi
odiamo cordialmente i borghesi perchè
vivono parassitariarnente del nostro sudo
re non perchè siano ebrei, ma la circostan
za sopraccennata conferma che la strade
fu premjeditata,organizzata, perpetrata col
consenso e col concorso delle autorilà im
periali le quali consentirono alle poche
famiglie boighesi il riscatto, abbandonan
do alla brutalità dei cosacchi la bordaglia
cenciosa che vive di lavoro, spera nella
sua risurrezione e la prepara con fede,
coll'abnegazione e col sacrifizio.
Gli ebrei infatti, gli ebrei poveri anzi
danuo alle università russe ed a quelle di
Europa, danno alle indomite falangi del
nikilismo rivoluzionario un con ributo as
siduo e terribile d'intelligenza, di tenacia,
d'audacia.
La differenza della fede religiosa può
scatenare nelle anime acciecate dal pre
giudizio tutta una,, torbida tempesta di
passioni e di odii, determinare alla perse
cuzione, ma non basta nel caso attuale a
spregare ih furore e 1' immensità della
strage.
I manigoldi dello Czar vollero porre
freno e briglia allo spirito di rivolta che
agita gli ebrei russi e minaccia di som-
mergere coli' autocrazia i privilegi di ca
sta aprendo il varco alla rivoluzione ed
all'avvenire; vollero dare un esempio ed
ai livori religiosi in fermento associarono
la ferocia barbara e la selvaggia libidine
dei cosacchi.
ferocia sciupata! Nicola II non morirà
in letto ......
GERMANIA
Ferve nel più turpe mercato di compro
messi e di transazioni la fiera elettorale,
particolarmente caratteristica quest'anno
perchè sottolinea la tendenza delie diver
verse "frazioni della borghesia a cessare dal
le divisióni dottrinali ed empiriche per
raccogliersi a difesa di più positivi inte
ressi di classe sul terreno delle tariffe do
ganali e dei trattati di commercio.
Conservatori protestanti e cattolici del
centro dimenticati gli antagonismi, con
fessionali vanno a bracetto sconcertando
i nazionali liberali che abbandonati, dai
conservatori, loro alleati di ieri, non" san
no che pesci pigliare non volendo buttar
si ai socialisti e non volendo d'altra parte
associarsi al programma di reazione, a ba
se di nuove leggi eccezionali, cha affaccia
no concordi gli altri partiti borghesi.
Di questo disorientamento del liberali
smo nazionale profitteranno i socialisti
che sperano una clamorosa vittora pel lo
ro partito ed hanno presentato More can
didati più o meno socialisti in 397 circo
scrizioni elettorali.
Interessa assai poco il prevedere se i
socialisti raddoppieranno il numero dei
loro rappresentanti al Reichstagjil prole
tariato non ne risentirà alcun beneficio, la
causa della rivoluzione nè avrà danno eia
emancipazione dei lavoratori la quale non
può essere che opera dei lavoratori stessi,
subirà semplicemente un nuovo e più lun
go periodo di deviazione e di sosta.
Interessa. forse più rilevare la melanco
nica constatazione che Paolo Singer l'ere
de del pensièro politico di Liebkuecht fa
ceva pochi anni sono al congresso di Mo
naco, ricordando le prime gloriose lontane
battaglie del partito socialista a cui con
trapponeva le petulanti correnti legalita
rie e moderate che lo' inquinano al giorno
ji i
li
" Se queste correnti prevalessero j
il Kinrror ir non mi antlrary 'al Aiti '
una utjuossuriu separazione tu resic
lità; meglio un piccolo partito di pi
consapevoli e risolute che un'ino!
amalgama di tendenze in eontrasf j
L'incoerente amalgama lemuta
ger preverrà ce itamentente nelW'u j
eiezioni, xu i unica pre visione ik
positiva che si possa fare sulla wpj
le a cui il proletariato guarda
conica curiosità. Egli sa che
e l'onorevele sono sotto qualsd
ra dei burloni e sa rer ankWeJ
i - -i
che in burla sono il suo pne
tà, la sua emancipazione, j
Per auestole astensioni
AVVERTIAMO ÀiLmÀ &
quali nanno ricevuto S0"
z one, d' abbonamento ali. i i 1 ì
distruc(?ele e tortiarle rfe fP,ll
no "
fondi raccolti e, nel pey
bianco per l'opportuno
H
IL
ienoimtp
contfe'r;
AI CORRISPONDI??"ìnte chfe
mo brevità, precisione i,0n.are sen a
date; regolarità e sollevi llvo asito
iqora, ai:e,
. . ìì '
e qim ' h "
I
A tutti, che per q
corri spondenze comuni jn
mento o di propagaad:
Redazione . , !!':
"CRONACA $0;; viva ÌH i
t-ì -r ' i ' s., fi l
i3ox i. ; n.ua sua uro i
socialijè di
co
izu, rebnai
olto; ló ih
trillakinr
pcchi
ncfsi
Per tutto quanto SòìC"11 11 fl $
toscrizioni, richieej:o; a ,0,Jn x
giornale, reclami o Uy' n& unmé.,t
amministrativo dev rflo: essi'n soi
A MMINISTRAZIONE PI j OOilUl! Sol ti
"CRONACA Jo(;etrol.t,,,
che pssi h;
Box I.
f0èfcessi
Per tutto quanL Jio fritell
1 c
1 UTi t" '1
giornali a icana, piK m sagrezza,
ganaa essi devono air
Biblioteca del
CIRCOLO di
Boxi.
U.
A tutti ì compii
della pubblicaziodel
associati alla nosi
di tutto il loro aikgi
rial e, in attesa de
soconto, grazie cernii
che cercheremo di
imi
studio ai loro sfozbd
rispitio al
httn Ir un;
j "Hi. A
riiamo;tutta
utm maravigli
i dèi essere '
indlsa la giut
ta asslsino, chi
J.'delf-ate, avve
e.II (to-fabbric
ceraio mi
ante he si affarìi
bblic Poteri é fai
o
P. S. La mi
compagno O. Gra
dare al prossimo ima. epa sola pot
dell'Amministrazioijd chhi ;Ia ci-o
vede) all'opera
Picco
New York, Gigioner
sione con cui si eh
denza basta di un d
miamo lo stellone!
Vi
tra,
i Joi
?illerand,
i Anselee,
retaste
sequi
ie es dovevano
re Ia USa Stp?;:
inutile e sterile poi porfvano con p
Paterson, N. J. -oro pti.
grazie, manda regdevan timi
mane non dimentifl. . .
poco spazio e che I1 nv4izionari ds
sempre quando sije OÌuzzoloni,aI
costanze di fatto. I cj.;L i i
ultimo stelloncinof0Clf a borghes
nel senso indicato1! Tze il capi
ed alla sentenza AV Fr:ì
saluti. ,, Mtfitòt,.
ansta airi
1.C
'ige; tu ti
New London, IH
bene spediremo,5
Bissimi a tutti. jjke3iij
Osage City iva;
vuto sta bene, nrV
Vii
generale.
Philadelphia
Ricevuto 2 scuc
corrispondenza
numero.
Star Junctiorf
1,60 Grazie. Sa
-t
Buffalo, N. If'irrersi
spediremo. U
Torino D!
re alla promess;
Tipografia del' ;
Bari
ideila lorc
nz,
Sta!
Elis
Maggio
4
I
in
.ar'!''"',-""'-'vn
4
dsno min.
ora di a
Ir
( tr-.duzio
I pandarne
J i ìzione.

xml | txt