OCR Interpretation


La nostra terra. [volume] (Hurley, Wis.) 1904-191?, January 23, 1904, Image 1

Image and text provided by Wisconsin Historical Society

Persistent link: https://chroniclingamerica.loc.gov/lccn/sn85040650/1904-01-23/ed-1/seq-1/

What is OCR?


Thumbnail for

ANNO 1
I NOSTRI INTENDI MENTI.
i ii mezzoii-gli svolgime:te lei pregres
so del poo l e dello 1-u ; -della sx-i--
1 -.il/ema i sent. forte ni imp.--rioso
:! drivi, de’ gii-ro-: gè,!:, è f.ei",
diri 1 anima e ir i ita del benessere e
privato della socie!à "SS, udo clic questa
viene edotta el informata dai giornali.
tra immezzii alla profluvire infinita li
giornali (fogni partito e fogni lingua
< he circolano in quest'inmensa America
tutti a veutaggio lei popolo , cosi anco
ra noi ;• lume ci appuntiamo crediamo
conveniente at abilire qui in mezzo alla
nostra forte * sempre colonia Italiana
cinigia dico un giornale atto alle esigei!
le tutte 1 -Ile numerosa Colonia il che
■ i sardib. orn dimixissihile per liverse
cause : .a belisi crediamo di interpretare
l'intenzione edesiderii comuni degli Ital
iani col fondare un piccolo periodico
settimanale con cui portare ii nostro
sassolhio all’edifizio del lionessi-re mate
riale e morale della nostra colonia. Noi
erediamo col fondare questo piccolo pet i
"dico di coprir' quella lacuna sentita
.[ili tra noi Italiani di avere un piccolo j
organo proprie, atti a promuovere rutti
i miglioramento sentiti nel! esigenze
della vita odierna, ed eccitar- l'energia
di un popolo industrioso e moregerato
il popolo Italiano, <• poiché non vivi
mo unicamente in case. in. seno alla
fumiglii, ma la vita nostra si volge m i
la via, nella bottega, nella militi nell'
officina, tra 'ompagni del lavoro etr :
cosi noi dobbiamo portare in uguno ili
qu*sti luoghi i nostri iuo-k.--: i contributo
a formare dei figli lella ilo! ra e del
nostro secolo, un eleo;, ilio attivo ed
industriosi! iuquesta temi d'a-ki/i -oc co
ite- iiramo ijic-st A io a e fami un
l'asso sempre [.in istmi*a e rispettata ,
dall, altre Na/.;- io
Tali i nostri rioeniiiue-nti <-d alla nos
tra volta ci rivolgiamo a tutti i i-onuaz
oliali di cuore retto e (ti buona volontà ,
perche ci aiutino ad avverarli a benefi- I
zio eouiune Nosii - griù-> -li raceoita ;
sia sempre avanti o Italiani, qu indiloci
[iieseut ia ilio iioeiiri. non 'io agli noni
ini ma anche alle donne a tutti le per
seme (fazione di qualunque condizione
eo età, oieni di fiduc.- a in una lieta :
accoglienza. Egli lem fa granili promesse
qu< sto nuovo pi ri,.'lii > die intitoliamo |
La Nostra Tkrka garantise*- j>t-rò che
ci-rilu-rii semjire di migliorare sotto
ogni riguardo, in modo la giungere ad :
essere il compagni> 1 amico in dispensa
bile atteso con desiderio non ">lo da
quanti nonz'ianno tempo da leggere il
giornale quotidiano oppure som - di bor
sellino tanfo ristretto eli, ! abbonamen
to al foglio quotidiano sarei-!.e ior-, di
troppo grave p- 1 da ut " i> : ne .
rato, anche coloro d- uni -.••• mi gu
un- le notizie pulitiche aumiiuistrati -
sociali eie. La No; n Terra nmministra.
pai- la j -ra di av-r: mpi una m-ta
spts ide rigimrdatii- ii !•!;•• ed il
-gresso ib-i colinosi’ 1 1 : i ; ;. :, - -
quoidi a tutti intere; .oc . di avere
.
oliati
Le ii,-stre iti; iiz i- noi : nari a duri
ij e,", it n- ' i ■ s- • ; > in u- • - noi a : -
mi . annuite di òri- : • a pi- : - -re li .
I-.n d Ila turi na col
onia onde sempre pin porre a mr volere
coiufonue addi' eri eihlritti. dei!" leggi
Ameticani la propria e pubbli, a
LA Dim A FATALE.
CliiOtl' i INVI HMZIO.
I NA SINISTRA I’REDi/ft'N'K
(Afn-'Ui PRIMO
Tornerò domattina, per tl moment--
la signora Rosetta non Ita bisogno '-he
di riposo
Crederete propri" che nbn corra piu
alcun pericolo?
Mano, si ras-icuri. tutto è andato
benissimo: la signora Rosetta. sel>l-ne
delicatissima, impresstinabile, ha snjie
ra*a facilmente la Tisi Ora non si tra
ta piu che di lasciarla tranquilla, e li
evitarle qualsiasi emozione La'bimba
non avrà bisogno subito del latte lella
mamma, ma basterà umettarle di pian
LA Mishtx Terra
dunque tut*i eseinsivamente a ta-nefi
zio comune dei nostra jiojob> cìte n n ini
cadiamo prestar i! nostro miies'> ma
volonteroso- lavoro, ed ora a voi. tutti
indistintamente a italiani aspetta di n~
pondero al nostr-- appeiio Bisogna ohe
tutti ci adnpiiaiuo a far netrare in g
in famiglia questo periodico il qutvle se
coadiuvato coil obolo de i connazionali,
potrà col tempo sempre piu migliorare,
tanto da diventare l'organo officiale
atto a dtsmpegnare rutti- le esigenze
della colonia
Nella speranza che farete limai viso
alla causa minentarnente patriottica e
sociale, con distinta stima vi salutiamo
La Rkoaziovi-:
Lo scopo principale nel nostro
giornale sani di ren are per quanto
sia, possibile, di non aver mai a - -n
-tire quanto si pubblicherà ; pei,-io
i erehereni" in ogni nuuiier:'. prona 'ii
<1" aimnettere pialumpie. avvi'-- rii
-"sere piti •he -n -tri di dq-e r. u' i tre
• •he la ; tir:; veri:è.
Le nostre congetture di guerra tra
Russia e Giappone.
A congetturai dai lek-grammi otti
ci ali t Dii l;i Russia venibn-rebo. quasi
fossi più disi "‘-sta per la pa-’<-, ma se si
riguarda l'opinione pubhie-a <!< tutti i
paesi si dovrebbe piuttosto giudicar in
una inevitabile giu tra ;u-r colpa pint
tosto di questa che del Giappone sa
pendosi che cosini proferisce la pace
A clic fine diffatti ia Russia fa grandi
previsioni di navichi guerra, di merci
c vettivagìie mentre concentra le sue
truppe? He questa scoppiasse si ha ,t
credere che l'lnghilterra è Stat ; Uniti
prendi-reliTk'ro lt parti deli' oppresse' ciot
ti Giappone, contro V api-rossore iti
Russia per fi u-cart- la siip-rbia e 1 in
giu-.izia di sta iniquo fa -li s|H>tn
idi,-sempre loirilih - alnisare della sua
pi • . i.b ne ve ci cero tutti le 1- ggi mi
t tirali e 'ì; bi, terc izi - odi dei popoli.
La conv- me -noe d- 'io alt '
-ivendo leu metile io- or ■> h- sua adunati
Za ;• -rii. <Ol-il a dei success,ini del presi
d-ìe . gl. s. C .piasi a l unanimi!:) tlt
voti decise .li votare pel Mr. lb-.ai'st
A 'parti it■ ; it.--rii: '• le virtù p.-t
sonali ii--i . 11*-;i• r ! " t-uti M-p-tto
a noi ii discutere, ci riserviamo pero
solo di ossi-mire --in- -pu-sto .-arebbe un
errori rileggere a candidato js*r la
presidenza uno eìu-bench' aid-ia mani
t.-s'-'te. 1, si" d. J M r -Vl.l!
dei demo-latici, pure a nostro avviso
non iutri mai partecipare pienamente
e condividete del tutto Ih sorte dei ii
gli del lavoro, colui che nato agiatezza
come il sul lodato da padre milionario
noti avertilo lottato rimiro le difficolta
delia vita, non avrà mai un idea prati
ni adequata ai! - esigenze d'-Ile classi
operaie ilemis'iatielle p-cr difendere s
tutelarne i giusti diritti < • nitro l o)>pres
.siioi'- rtolt aristocrazia.
ROMANZO
Non diineiito ;-.te di leggere il nos
tro . ontati-zo iililtolab- i .! dona t lùilit
]e. che é um- dei piu bolli libri di.
t ,p ìo; • inverni.'.:", cdi -:'•"In
sù; ■e :. ! >ll - Usi g-'i!" , gio: llil io.
t'liiun-juc . b-i'.i.sl eumperavìo ha
-..ii -i,i,.-hi -, i ivi-re a! no ti -'{fieno
! 1,: Jt: ; : ■
ii, .ci -ti -.lidi .il '.-‘hnìo-
M !'Ctìi- Mici > aliii t one Hot
vuoi) i Mas- .ni ii>-t .ri.
L avvi., alo di ('albe: ime non vtit-le
accettare i massoni ne: jtri. pen-li! ;l
Hat iali-i apji-'rt-'Ui-i a a ogena >x'i*-t,a.
pel qual- ! i. Ts ìo i ivo deli u ' ohi - del
La - ia 't--ì is iì-'v hanno trova
ii cadami'* -!•-! Halvatore Battalia Ita
liano fruii p-- 111 r a s -., Western avenue
; vicino al poli!- a nd: FroìtUlin aveime con
coltellati adosso subito l'haiiiio tra
sjK'ftato nella .onera "o'i tuaria per lt
PROL O G 0 .
do in quaiido la txn ei.in. eoli quei sirop
]i che le he, [.rtato fo sono cosi st;:-.
fa. cl ■ noli iw j-.isso p,o Buona
notte signor Ernesto
110 tuia notte, signora Teresa a dotuat
tinsi
(Questo dialogo aveva luogo sul piane -
rottolo di un quarto piano* in una delle
vecchie case di via 'li Po, la notte di
Natale dell anno ri ira una donna
d una quattina d’anni grassa rubiconda
dal soni-' allegro e malizioso ed un gio
vane di forse ventiline anni, dal viso pa
Uido. ,-iiia* ia*-. inaili una grazia quasi
femminea, con grandi occhi celasti ve
Untati, che colpivano a prima vista per
PRIMO GIORNALE ITALIANI DELLA STATO WISCONSIN
HURLEY. \YIm ’ONsIN. > ARATO 'GENNAIO, v.m
constai azione legai i oh,l.- scoprir- 'a— i
sino. La matti ita seguente i detectives
Hansen and llclin hanno scoperto ’.-t
iraeeia dei sangui- ,1.-Ua parte ,-ust d
ponte, diretto al P* isj>e.ct park in m i
pici - ola Uittega da -alzolaio in Ra
mond svenne nt-M*. Anthoni - pai
cu paio del Tony t'andioto lutiot-i jae
so. t u inazioni del (. andioto e te- visiti
tu elle il Battidi i la sera prima era
andato via di casa, e non ritornando
vi hanno voppottato qualche cosa del
Battalia: gli investigatori souoandati
presso la traccia <hd sangue all uni ver
sity avenue st. Paul hanno i*rduto la
traccia, Subito tornati indietro hanno
avuto uua circolari- da arrostale il
Tony Calderone c\je si dico il colpevole
Esaminando hene hanno trovato il
eoli 110 che era un stilletto che andava
pn-eiso alle ferite del Battalia.e il colf ri
lo u, parteneva al Calderone.
Un officiai" d**lla polizia ha eichiara
tu il Calderoni responsabile della
morte del Battalia
Il bali" della banda Italiana di
Hurie rius- o vplendiih' . anehe
tutti t giovati! Unitimi presenti sono
stii! noddi.-tatt il ì dii -rtimeuto, per
eli'- la sala del ''iguor Bottino era or
nata di belio Signore e signorine.
Speransozi (li a ver altro hallo ai più
presto possibile
CRO \AC A Dii All \
Note faticane.
La nipo* favorita .li S s l’io X
i.iiidi( sarto ò in trattativa li metri
moni" con m ricco proprietario di he
ni stallili del te-rii Italia, nonostante
gli onori sovrunio riti all: loro par
ente!:'. ì un nin i della famiglia Sarto
sono limasti p op no m i t meiìe-i
ma posizione, co, ; a o et’ p ano ava
liti In -u ■• :< t ••'••■■ ziime ilei
le sue sorelli elle furi. • .damate a
Roma lti ; Uva nipote che da molti
mesi asjiettavH il matrimonio, di un
modesto, impiegato go\euativo ap(>eua
eia [">! -ss- oUenei'. una promozioii'- si
lusinga ancora a b— •> nell aspettare
10 comlizion udir!'- ri. a\ udo loro il
Papa detto "-.vip. n .li: 'itardan tl
matrimonio lino all aumento del sala
rio. La commissione Erablica di do
ma. la qual'- ha hi carica di tutti i
il. pt .■ - • i i..i ,a\ no - una - ■ -ih
missione al nuovo papa tal annunziar
gli chi secondo le usanze, i più ìntiipi
membri d*lla nul'iltit Romana • 'ine
appunto era stato sempre del più d.-re
famiglie Roinai" "le- annitmerano un
Papa fra i lof" ani-nati, i laiie.'i
Pospigliosi. IJorgln-si-, Barberini. Vift• it
od ii magii>r nmnei'o degli inscritti - I
libro l'oro nel Campidoglio ottenne!" i
loro titoli appunto per uu-zz-i 'ltila b
ro parentela papale. Pio X sorrìdendo
11 ringraziò della loro offerta ma disvi
che siccome a nessuno lella famiglia
Sart i non era mai stato finora coin-t-s
V" il!, titolo, covi "gli pure prefefiv .
di lasciare le et .se cotti" si trovavano
A Mailcrno, india -i -tui villa -i' -
dillo il 'g(ì scorso
DIPSEPI il ZANARDLi,LI
uno dei j i-i valorosi loltatiu. della
politiea. uno dei più spendt'li e—mpla
ri dell ngcgic c delia coìr lira g : pi :*i
ca italiana: insigne 'giurista (i.id>-rov,,
oratori', venerando painota, uomo and:
stato li-tvidaniippc liberal, '
Nella [lolitica può dirsi che non vi
stai ti in qui-vt' ultimo q-p-irioiteimin.
hai tu glia 'per la hiiertp e 1 onore della
; il', re- elle < ii"* ppe /cu :• ri lei il non
comi .;!!>:■' ; e -enuatm-nU- a vistela al
zata e.d fervore di t noi utustasiui,
con dottrina, con clij:.|tie,-,.-* .ih'-dmc
seno ire gnardioaio ali' an- nm; colla
coscienza dei [Ci-en!.-. ■. ,0 tìelb- -ni
[-•-, - sia-a. ì dt-moi ranche uomu c --e
nella sita tede nei liberi mdiiiamcnt -
Al veterano di tu :i ’ ■ -ante battaglie
del pai i h.it : ,sim i a qti -Ila robusHi tei ~
pia d’uomo e cittadino mandiamo il
nostro modesto saluto
li ior niiigoìan* t* In sVóli t 1
espressione
j, a scala .-in al bino, ed tl giovati,
avreldw V'iiu ■ a-■•• a., igm.:•• fin giu hi
donna: ma lu “ gm n Ter- a -• levo <•
tanca un p /./. ■ u sloppii. idi cera * . ■
t‘( eve al lei.; ■ Un candela che il se."' ■!
Etiiesto Teneva in mano, dicemiogl
L"~l", lesto, neutri, che fa multo fri
dilo. Di nuovo intana no' 0
li g.ovaie la-- " mdare tir ìrazn e
a. mto.. poi apei ni a idi fw
alla -• •' *• o.r -io'l-j’bM: -i' 1 Mi :
ta ; o-p- j:i" 1 -.ri ;•••• . • m-, •’•-•
corridoio passò tu una camera ammoni
linfa con estrema semplicità, ma u,o! f o
pulita.
l r n lume a petrolio, con mia ventola
sopra, la rischiarava bel*limante: una
piccola stufa di ferra'otta rendeva 1 am
bit-nto delizioso.
E che quadretto nei lucente t presero
ava in quella camera!
Mtes'ii su di uu unslesto h*tt'> di ferro,
una giovine donna, madre da un’ora, ri
posa *a affranta.
Il suo viso, di una liellezza ideale sp
u ••" <• _*r.t umt.i • !;r U •. \]
li -vt ti inaila 'corei uu giovati.
Indiano per nome, George ii ni. .ititi.t-
V til t ■ .o'i'i.t tleU oroi e fimi! centi!
le ita .-i'op-vto due t"n itu g nude buco
c: ptc-.,. !: vi ìe pfC- fu. •;„• dii" .i 1,.;
:sf parò. coìl.t 'pernii, idi merli ir -,-i-i
' itti due ii.i pei di-." > ,i/i;i. me er.i
ancora vGo, 1 or. .ippetei sentito il
• "l|> fece mi .alto addosso al giovine
io fece in due [ipz/i Appena t suoi
parenti hanno visto mancare il figlio
andati in cerca,e hanno trovato il
povero figlio tutto sbranato e un brac
co staccato del corpo.
lona Contro Roosevelt.
Il governatore t-umntiii lown • ri
soluto di di non riviere affatto alle in
tenzione di c*>rti tenaci contro il pre-1
ddeltte, e ijuivi vi prevedo una lotta j
1 dea di lowa Me tl governatore ed
suoi seguaci vincono la delegazioni
ut lowa staranno per V opinioni' ipievti
nella convenzioni- nazionale
Il governatore t'tmuiutts cblv uu in
• portante confeiyn/.a col l’ivsiilcutc
i{oos"\"it ieri tiriniformo il principio
•si •utno della .-uà decisi" a- a combat
ter-. II punto capitai' si . ohi t |
s'ivi mi fi li 'le v’ituimius . oiisiilci'il ia . isl a
lella revisione delle tariffe come una
via indiretta di introdurre in lima una
campagna contro K"oscvelt. verni, mi
min/.iato a i tenaci partigiani vii,- il
governatore era diviso fermamente con
tro loro, tv! era 'lis;ii>stt> mi avversar ;
h iti ogni ne lo Riguardo poi alle *
voci dei suoi “forzi contro gli opposi
tori lo stesso governatore dice lo ho i
niente a comproiuettele e non laro;
transigenze pei aggiustamenti ehi .li
• elessero la delegazione dalla i-.m-ou !
11 •IJ * tiaziouale. ha delegazione di jio
p"l" 'h lowa -ari pure della pati,-de!
• ’resi.ji'llte U"'" Oelt S' erc l" | ili '
•he ipn-st" lotta ingaggiata ('"iiunìiis
ta dovuta agli mt"ressi di I I dui.
il popolo pero la maggioratt/.a -, io
ira più disposto alla \ i v del _oo.°r
• no:,• ci: • tur. del ani• H > v. li
Il gioiti" !ii coir vi accostai ano •
• t s aitata a giurarsi "rpi i ita c vi,-et',,
d vaile ledei; a 'lne odimi -posi \ndfc.i
•/•111 d’ Viceuz.- ■ Teresa /c-n -a
d'ieiitonl- e. Alla fiirtuliata enppin gli
ago. rial:o •■ • tea , a . lotiga vita
f Ijin-stn ma’lina ■ nato ai cmijugah
"••re -t Uius [.pe ltaineri una nella |
o.liana il .piale sorprese ( liarlie .
i labili! suo fratello •In ipiaud" si :
1 ' •-•h ■l*'l I** M - tì* *\ * 'iti !* 1 h*.
:oi auguriaiit" prnsperitii e Ititi-,
tua
Avete a 'cu-are per .juesto primo
[•riolieo ette noti vi abbiamo dato ie
HottZi locali per il motivo che ah
l’iatfo edinnti >!>t tipi * inni suini
ani'alt ma sjieriamo che un’altra j
•••tfimana aveli tutte b notizie <l<-i !
e'ìniovm 'ii llntlev wi- l'oti stima
l abiti.un la Redazione.
Mae. e’ ia : pini i.a
t !|tl'i"s. ■a 1 teli" e-p.otii ilei !"• ■/■■■
hi un mai ftliaiii:
vendita ‘li carne di Ime !< lamentila
D 1 • :>i Vi'Ki .
Ma ••'.- • fate !.; : .olie ■ e tua, ; j
tieni i -ai . !
\ Itro ihe pre-enl .• t< !
Voli "t" I a!" pi "?' ' t ' ’• i
corte > pie.
\ì !;. . • • • !■ ■ ■ ì!
a nelle o-t ■> i co h,
danna
Barbiere Stallino
DOMENICO POLITO
~th lezioni di
'•!and,il)no. Violile e
< hitarra Miti pi•■'. - .
Hriiu.v Wi ,
'•cava nella iu;t'-ii dei <|-1 h neri che
cadi vano iti ih-rdiiiesu! gii nei iti*' e ■
,ehi\ -tii-i an. il ì 1 •i. 1 ii>- ■ l'i.
i etiti let liti ! - ,j. : n h. :
(•li: I " fIM-i-l .1 ; ./'e pili I .ill ■ la .1 -
ingioile: I,* noe* a beli disegna:;: =i i u
i,,l ■ 1 1111. ( Jie.lJ-- !’ it l.e * ■"■
Filli ili ib-nt; [Militi) che ltn ricavano
r'Ol.ee [M I le
Ut quanno in quando la giovine deu
via agita *. a le h.atit.!." i iati l n * -t* ->*• -nino
'■
iV.a'Aju M• ■ k ì! ••■'•hi* *'■
-• in !;•. • 'Vi!! -'J e : •
veggio! presso il letto dormiva anch e
*. la i "•citta, venuta da p .>•■'• al tuonilo
In quel momento nòti ai varchi potuto
tfire *• somigliava al padre od alla ma.
dre forse ad lUitrinbi ; ò certo t hè appa
riva sana, robusta e già moveva i piceo
nlatinizzi eoine se poppasse.
Ernesto guardò madre e figli con mi
mensa tenerezza, e sul suo bel viso abb
attuto scevero alcune grosse lacrime.
Mio Dio. mio Dio! mormorò, volgen
do gii orchi aii crocifisso che t-be era ap
peso alla parete ora che tutto (• andato
CALUMET
!
CHiìr BAKING POWDERSj
ClilEF, BECAUSE
1. It in thè nnly high-grade Powder solct al a moderate prie#.
2. It is not nudo b> a BaKing l’owder Trust.
3. Improvcd Chemical niethuds are used in its minufacture,
ailJ ilic nini ' t -- uiau \, jii iiptirlHn £ <• fu—
exactly neutrali re ea~h other.
4. It Soave thè smallo .md 'Twist healthful residuo in thè food.
5. Food prepared Ir ini il is free front Rochelle Salta, Lime,
Atum and Ammoni.
6. It is thè strongest Bahiitg Powder on thè market,
7. It compii with thè Pure Food Laws of all States.
* ' '■ yn< ♦!>!- U • !! . u*ì<lh, < B uU
1 • • • • V~- • * i a~*4.nr*
Iron
r A \ì R '
111 ‘ ■■■ N V !<<•: >n
Si,Alili MA \!.i.’ A * ' ! 485.
Cn pilli le c i 'eccedei il e. $25,000.00.
' s
A. "-■ ■■-•■■... -- s
Joseph 4, Ghiono,
• .li I.ii. a ')Y,m-,itlantie; Vendita <li Biglietto da *• j<r
I Europa a prezzi modicÙMini incarrk-andnsi tlt spedire le tiohette
con instruizióne in Italiano e • trai in li alai a ed a New York.
Kperiiziunt ili denaro j-r mezzodì vaglia portale tutte le i*rte d'ltalia
i- firoio Notaio Ruiibiico. Illazione d’ogni atto legale.
Spedisce pure denari alla cassa Postile di Roma, Italia, calla canna
di Riapannit► di Trento Tirolo. Austria facendo venire i dovuti li
bretti di deismito a interesse. Murley, Hisconsii.
NUM. i

xml | txt