OCR Interpretation


L'Italia. [volume] (San Francisco, Calif.) 1887-1943, August 18, 1897, Image 1

Image and text provided by University of California, Riverside; Riverside, CA

Persistent link: https://chroniclingamerica.loc.gov/lccn/sn85066408/1897-08-18/ed-1/seq-1/

What is OCR?


Thumbnail for

AMO XI
SUBSCRIPTION RATEsT
v«J > . A ' ,ABtE 1N ‘“VANCE
One Year . , , *a on
Six Months ... 32s
City, One Month, delivered
by Carrier ... 60
Foreign Countries, 1 Year, 9 00
The First and Largest Italian Daily Newspaper in the United States with Largest Circulation among the Italians
THE FIRST ITALIAN DAILY TAPER Tca
PACIFIC COAST
Consolidated
From "La Patria” all(I "L’Eco del
Pacifico
Incorporated, August 1887
CAPITOL STOCK
Entered at the San Francisco Post OlMce tu
Second Class Matter, March s.th Ist*)
IB3URD DAILY BY Tflß
Italian Publishing Company
G. ALMAGIA’ AND iNG. 5. PATRIZI, EDITORS.
Composing ami Press lino ms, I.ditorlal anc
I3usine.su onice*:
629 Washington Street
•AN FRANCISCO CAL. P. O Bo* 255*
Telephone: Red M 3.
NOTE E COMMENTI
SUI FATTI DEL GIORNO.
Ancora il ducilo.
I Parigini cominciano a calmarsi e
a tranquillizzarsi sulla sorte del loro
illustre campione. Pare difatti che il
Principe repubblicano-monarchico
imperialista-czarista-africano -abissi
no- commesso viaggiatore-giornalista
spadaccino ecc. ecc. stia meglio e che
la sua nobile pancia, bucata dalla spa
da del Conte di Torino, sarà ancora
serbata ad altre e ben più nobili bat
taglie, quando per esempio sarà nomi
nato facente funzioni di vice portina
io assistente alla corte del servo del
maggiordomo di Menelik, coll’incari
co di scrivere bugie e buffonate per
divertire Sua Maestà Etiopica.
Scherzi a parte, la gran maggiorai!
za dei francesi avrebbero preferito
chissà quale disastro*',.! .v lov, partii!
piuttosto che lo scorno subito da que
sto loro campione puro sangue, non !
tanto per aver perduto la partita d’ar
mi quanto per la maledetta paura
che lo aveva invaso alla vista della
spada del Conte di Torino egli, l’e;
roe senza pudore e senza coscienza, i
che aveva avuto la sfacciataggine di
accusare i nostri prigionieri di man
canza di coraggio e di dignità!
Gl’italiani di qui e d'ltalia, pur
manifestando la loro legittima soddi-;
sfazione per il risultato del duello,!
non si sono abbandonati a scoppi in
consulti di gioia come i francesi si
son coperti di ridicolo col lutto dimo
strato per la sconfitta del Principe li
bellista.
•**«
II telegrafo ci recava ieri una no
tizia che quantunque racchiusa in
poche righe, é di una grande impor
tanza.
Alludiamo al dispaccio che annun
ciava come il Governo Italiano abbia
deciso d’abbandonare completamen
te l’Eritrea e di ritirarsi soltanto a
Massaua, trattando all’uopo col Bel
gio per una cessione del territorio in
temo.
Non sappiamo cosa ci sia di vero in
queste trattative col Belgio. Quello
che noi vogliamo notare si é che men
tre soltanto pochi mesi or sono la no
tizia del ritiro dell’ltalia dall Eritrea
andava accolta con incredulità, oggi
va accolta con maggior fede e forse
va creduta completamente.
Il Ministero Budini —bisogna dir
lo in suo onore ha avuto sempre
poche simpatie per l’Africa. Anzi le
sue antipatie per la medesima sono
venute sempre più accentuandosi al
punto che mentre in principio il Ga
binetto si limitava a dichiarare che
sarebbe stato contrario ad ogni espan
sione in Africa, poi é divenuto sem
pre più risoluto ed ha cominciato a
parlare di una limitazione del terri
torio occupato.
Se a questo si aggiungono le ulti
me complicazioni sorte in Africa a
proposito della missiva Nerazzini, si
può facilmente arguire come con
tutte le probabilità il Governo Ita
liano é realmente stanco dell Africa
In ciò, almeno, va d’accordo comple
tamente col paese!
L’ITALIA
CORRIERE MLL’HALIA
IL GRANDE PROGRESSO INDUSTRIALE DELLA PRO
VINCIA DI ROMA.
Il trasporto in Italia della salma del prode Magg.
Toselli.
La spilorceria del Governo—L’incidente alle frontie
re francesi—Re Umberto e Nerazzini—L’auto
difesa del Generale Lllena
(NOSTRE INFORMAZIONI PARTICOLARI.)
BOMA, 1. Agosto, Si nota da
qualche tempo un risveglio di atti
vita nella provincia romana di cui é
bene tener conto: mi risulta essere
in corso di attuazione un arditissimo
progetto industriale che per la pro
vincia dove l’industria é tanto
scarsa mentre che l'agricoltura che
i J'c era la sola risorsa decade sempre
più sarebbe una vera risorsa.
Si sta dunque formando una so
cietà solidissima e dotata di fortissi
mi capitali che però non crede au
cor giunto il momento di palesarsi
allo scopo di sfruttare tutta l’ab
bondante energia naturale della pro
vincia romana ed ha già inoltrato al
la Prefettura domanda di concessio- j
ne, spostamento e deviazione dei
principali corsi d’acqua della regione 1
e delle numerose loro cascate per
parte delle amministrazioni comuna
li a scopo di impianto di illuminazio
ne elettrica, o per parte di privati
per usi industriali.
* * ♦
Avrete già letto di un'incidente nv
venuto alla frontiera italo-francese.
lì fatto sta in questi i
tre il giorno 23 luglio una batte
ria francese si esercitava al colle di
Boccia, alcuni suoi proiettili cadde
ro in prossimità del vicino forte ita
liano, e in modo che se la truppa si
fosse trovata sulla spianata, ne sareb
be forse rimasta colpita.
Il capitano francese fece le sue scu
se immediatamente allegando a sua
discolpa aver la nebbia avvolto duran
te il tiro la sua batteria in modo da
non aver potuto rendersi ragione del
luogo ove i proiettili andavano a ca
dere.
11 Ministro della Guerra volle te
ner segreta la cosa, ma non vi riuscì
che in parte: alcuni giornali si com
piacciono già di gonfiare enormemen
te l’insignificante incidente: le scuse
pervenute al Ministero degli Esteri
in proposito da parte del Governo
Francese sono posso assicurarlo
cosi ampie e soddisfacenti, da non
far sollevare alcun incidente diplo
matico.
* ♦ ♦
Su proposta del Ministro della Gu
erra il Consiglio dei Ministri delibe
rò che un rappresentante del Gover
no si trovi allo scalo di Genova quan
do arriverà, fra pochi giorni, la sal
ma dell’eroico maggiore Toselli.
La salma ad Amba Alagi venne
esumata presenti il capitano Cavi
glia e il tenente Bodrero.
In una lettera del 17 corrente al
Sindaco di Peveragno, Visconti Ve-*
nosta dice:
“ Il Governo ha provveduto perché
la salma sia trasportata a Genova, in
esenzione di nolo, avendo la Socie
tà di Navigazione a ciò consentito in
omaggio alla memoria del valoroso
soldato, ed in esenzione di spesa qu
anto alla tassa d’introduzione del re
gno.
La famiglia Toselli vorrà per sua
parte, provvedere al trasporto della
salma da Genova a Peveragno, adem
piendo d’accordo còlla Prefettura di
Cuneo, alle formalità prescritte dal
regolamento di polizia mortuaria.
A Peveragno la salma verrà fatta
segno a solenni onoranze.
E’ però incredibile che il Governo
il quale fa arrivare gratuitamente la
salma da Amba Alagi fino a Genova,
si riduca alla piccola spilorceria di
far pagare alla famiglia il trasporto
ferroviario da Genova a Peveragno
E si tratta di un eroe autentico;
cioè di un uomo che ha offerto all’l
talia l’esempio di grande devozione t
militare nel momento in cui i più
grossi uomini italiani (a cominciare
da'di ex-ministri) danno esempio di
aver saputo famosamente vivere alle
spalle del paese, insidiandogli perfi
no il prestigio istituzionale.
Ora se tutto ciò é incredibile, ce,
L’ITALIA, SAN FRANCISCO. CAI*, MERCOLEDÌ, 18 AGOSTO 1897.
GIORNALE QUOTIDIANO, POLITICO, COMMERCIALE
viceversa, qualche cosa di più t finta
mente curioso.
Se domani muore all’estero uno di
questi vampiri dell’erario e della mo
ralità pubblica, il Governo non lesi
na più, e la morte eli questa gente di
venta un lutto e un dispendio nazio
nale.
l.a famiglia di Toselli invece devo
pagare il trasporto Genova-l’evera
gno e gran mercé se il Governo le ha
gratificato qualche centinaio di lire
di trasporto da Amba Alagi a Mas
sana. Da .Massana in giù il Governo
ha accettato dalla Navigazione Ge
nerale il regalo del trasporlo gratuito
della salma!
* ♦ *
Il Ile, nel colloquio che ebbe ieri
con il Presidente (lei Consiglio, ma
nifestò il desiderio di vedere il mag
giore Nerazzini non appena questi
sia venuto a lloma ed abbia confe
rito col capo del Governo.
Il Nerazzini, come é noto, non po
trà essere a Roma prima del 10 di
\ ecchio prospcttatore che si reca a Coffee Creeek, dove vennero fatte le ultime grandi «coperte d’oro, in ccr
ca del prezioso metallo. Kgli reca con sé tre muli carichi di provvigioni ed utensili del mestiere.
questo mese.
Si assicura che la pubblicazione
che sta preparando il generale Ellena
una specie di auto-difesa solle
verà molto rumore nel campo politi
co e militare per le rivelazioni.
Questa publicazione perù non po
trà vedere la luce prima di un paio di
mesi. Si dice che il gener. Ellena ab
bia sporto querela contro 1’ “Italia Mi
litare” per alcuni apprezzamenti po
co benevoli intorno alla sua condotta
prima, durante e dopo la battaglia di
Adua.
il generale Ellena si farebbe forte
del verdetto della Commissione d’ in
chiesta per far condannare 1’ “Italia
Militare” la quale, sia detto fra pa
rentisi, é 1’ organo del ministro della
Guerra.
Ad ogni modo una querela non ri
fà una riputazione e, tanto meno, una
riputazione militare.
Provate U /ancKtola da 10 no Idi .1» • H*c»rcU
1 uiù blu uro ri iti cdu« elei fe*ful*> e eia* vucut
ARNALDO CERVESATO.
SEMPRE
IL DUELLO
IL PRINCIPE D'ORLEANS
NON MUORE,
Un altro articolo in difesa
degl’italiani
DELL’ “EVENING POST”
Prova giusto il risenti
mento degl’italiani
(Dispaccio Telegrafico.l
PARIGI, 17, ll Principe Neri
co d'Orléaus, che fu ferito domenica
scorsa dal Conte di Torino, ha passa
lo un eccellente notte e ogni pericolo
di serie complicazioni é ormai scum
parso.
IGIPSI,AD. (Germania) 17. Vn
gi amale locali' afferma che l'lmpera
tore Guglielmo all'annuncio del risili
tato del duello di domenica scorsa
mando a Ile l mherto un cordiale te
legramma li congratulazione olt re ad
uno mandato direttamente al Conte
di 'l’orino. Il telegramma mandato a
Ite t min lo conteneva questo perio
do: “ lo non sono amico del duello,
ma un ufficiale deve sempre difende
re il suo onore militare fino all’ulti
ma goccia di sangue.”
* • «
leri parlavamo e davamo il riassun-
to di un importante articolo pubbli
cato dal “Bulletin” in cui si difende
vano gl'italiani dagli inconsulti attac
chi del Principe d'Orléans e in cui si
mostrava un'evidente soddisfazione
per essere rimasto questi battuto.
E’ con soddisfazione che oggi se
gnaliamo un altro giornale america
no il quale si dichiara francamente in
favore degl’italiani.
E’ l’“Evening Post” il quale in un
sensatissimo articolo editoriale, dopo
aver fatto una breve e giusta disserta
zione sul duello in generale, dopo a
vere ammesso che il duello 6 un a
vanzo di un’epoca di superstizione e
di barbarie, cosa del resto che ammet
tiamo anche noi come l’ammettono
tutte le persone di buon senso senza
bisogno che siano dei grandi filosofi,
dopo detta dissertazione il “Post” vie
ne a parlare del caso speciale ilei duci
lo Savoia-Orléans al quale riconosce
un’importanza e un significato spe
ciali e apertamente si dichiara con
trario a quanto il principotto france
se ha detto o scritto sul conto degli
italiani.
“ Le accuse mosse dal Principe En
rico d'Orléans agli ufficiali italiani
prigionieri di Ite Menelik scrive
Ponesti) confratello della sera so
no ingiustificabili da qualunque pun
to di vista si vogliano guardare.
Anche se le accuse fossero state fon
date la loro pubblicazione diveniva
una cosa inescusabile. Che egli falsi
licasse o almeno esagerasse le notizie
della supposta codoniia dei prigionie
ri italiani é quasi certo. l/indignazio
ne intesa attraverso tutta Italia per
le pubici azioni del Principe d’Orlé
ans e spiegata dal l'atto che egli arre
co un offesa mortale all'orgoglio na
zionale di un popolo intiero.”
• « «
Non ci sarà nessun italiano dì cuo
re che non legga con grande sodili (a
--zinne questi' difese oneste e giusti l
falle a prò degli italiani da giornali a
meri cani quali il "Bulletin” e l’“H3
veiling l’osi” i quali pure si sa e di
chiarano esser assolutamente contra
ri al pregiudizio del duello. Ma que
-ti nostri confratelli americani hanno
tanto buon senso da saper fare
cezione per questo caso speciale in
■ni, invero, ogni querimonia, ogni di
missione sulla tesi del duello diviene
«duplicemente ridìcola. Ci sono delle
■ose. ci sono delle verità li l quali men
(re sono sacrosantamente giuste, di
vengono però una caricatura quando
sono dette e ripetute in certe circo
stanze speciali.
CNA NUOVA CORAZZATA (iIAP
PONESE.
(TVmpnppin Telegrafico )
WASHINGTON 17, Sono state
fatte le provi 1 della nuova corazzata
giapponese “Yasinina” costruita in
Inghilterra. K’ una delle più grandi
navi esisterti e assolutamente la più
• loco. 1. !.. ~!.•> V piedi ed ha dodi
cimila tonnellate di dislocamento.
COLLI SAHA’ GIUSTIZIATO
VENERI li’.
(Dispaccio Telegrafico.)
MADRI!),I7. — Il Supremo Con
siglio di Guerra ha conferiamo la sen
lenza di morte contro l’anaWiico Gel
li. Questi verrà ucciso collo strozza
mento mediante la “garrotte” giove
d’ o venerdì prossimo.
DERVISCI ED EGIZIANI.
(Dispaccio Telegrafico).
LONDRA. 17. Un dispaccio
dal Cairo reca che tutte le truppe del
Kaliffo sono in armi e dirette per
Orndurman. Il ministro egiziano del
la Guerra ha aperto un arruolamento
per altri 10 mila uomini.
L’AMBASCIATORE TEDESCO
IN RUSSIA.
(Dispaccio Telegrafico.)
BERLINO, 17. Il Principe Ra
dolin ambasciatore tedesco a Pietro
burgo é traslocato alla Corte di Lon
dra per rimpiazzare Wildemburg che
si ritira per ragioni di salute.
M7MRRO 195
The Only Illustrated Italian
Dally Newspaper in America
and the Only one that Prints
EIGHT Papes Dally , , , ,
BRUTTE NOTIZIE
DALL'ALASKA
E’ impossibile procedere
il viaggio.
MIGLIAIA DI SCORAGGIATI
CHE SI FERMANO.
L’insolenza dei portatori in«
diani.
( 1 dispacci Trk'grnfioi.)
.M Nj 'A 1,11 -La città cin prtv
tin ni (tin vivo eccitamento. ('entiuaia
di persóne si at I(>1 la no nelle strade
aspettando la prima opportunità di
poter partire l per Klondike. Ma le no
li/.ie elle giungono da Dyea sono soia
l’iv più allarmanti. Il cammino attra
verso il famoso passo di t'hilcoot di
\ iene sempre più difficile e le stradai
dirette per t|nel l’asso sono ingombre
di viaggiatori i quali non osano procs
dere. Ancora più disperata é la sdua
y.i((iKi sulla via del passo W hite dove
si trovano riunite ben 18(10 persona
le (piali lottano con mille ostacoli per
poter passare attraverso le pericolosa
catene di montagne. Si aggiunga ti
questo, elle le st rade si t rovanit in con
dizioni orribili, tutte coperte di panto
no per una profondità di vanii punii.
\ ieino al passo \\ lute si dovettero
uccidere '■!'! cavalli e muli perché era
no al londati fino alla pancia nel pan
tano.
l’er questi falli non sarà mai racco
mandato abbastanza a tutti coloro
che volessero recarsi nei campi auri
feri dell Alaska, di aspettare assoluta
niente la prossima primavera. Del re
sto fra poche settimane incomincio
peri do della caduta delle nevi o
dori . r. assolutamente im possila
-1 Urn,. o Vj regioni me d«uVfen
che eond mo a K lomlyke.
8u é iia>ii• , ai „to degli orrori dot
passo di ( 'hileool ; ma quello elio si di
ce del passo W hite é ben più terribi
le ed é opinione dei più esperti cono
scitori di quei luoghi che fra i due po
ricoll e meglio scegliere il passo di
( 'llileoot.
Quasiché non fossero abbastanza
questi fastidii, si aggiungono quelli
delle autorità canadesi e degli india
ni i (piali ultimi approfittando di qua
sta ressa straordinaria non solo au
mentano enormemente i prezzi di tra
sporto, ma divengono anelli l insolenti
e disubbidienti, messi su, dice,si, dai
canadesi. Multe volle gl'indiani fan
no un coni ratto con alcuni viaggiata
i*i c (piando lidio é combinatoi diser
tano sia per capriccio sia perché tro
vano altri die li pagano'di più. In un
giorno della scorsa settimana sei in
diani partirono per ('hileool con 500
libbre di provviste. Proprio a mezza
miglio dalla sommità del monte, essi
(l’un tratto gettarono via il loro poso
e si 1 ne andarono. Per duo volte i mi
natori li chiamarono e li supplicaro
no di aiutarli, ma senza essere ascolta
ti, onde i minatori spararono alcuni
colpi di fucile in aria per spaventare
gl’indiani, ma anche questa volta qne
sii non si mossero. Allora i minatori
presero di mira i ribelli due dei (pia
li caddero uccisi mentre un terzo ri
mase severamente ferito. Davanti a
questo contegno..., risoluto gli al
tri tre indiani caricarono da sé soli le
500 libbre di provvisto.
\a‘ nil ime notizie che giungono «lui
distretti mitierarii reclino che la pro
iluzione dell'oro della prossima pri
mavera si prevede a cinque milioni di
dollari. Sull’Kldorndo Creek si calco
la in media una produzione di nove
mila dollari per ogni piede di fronte.
Sì lamenta in quei distretti la man
can za della mano d’opera. I lavorato
ri manuali sono molto scarsi qnantnn
que i salarii siano saliti a quindici o
venti dollari al giorno.
SEDICI MILIONI DI STUDENTI NE
ON STATI UNITI.
(Dispaccio Telegrafico.)
WASHINGTON 17, K* stato
completato il rapporto del Commissa
rio dell’lstruzione Pubblica degli Sta
ti Uniti per l’anno 1890-97. Da esso
risulta che in detto unno le iscrizioni
degli allievi nello scuole pubbliche o
private fu di 15 milioni 997 mila con
un aumento di circa .‘lO9 mila allievi
sull'anno precedente. Il numero delle
iscrizioni delle sole scuole pubbliche
fu ili I I milioni e 405 mila. Le scuole
per i negri sono salite al numero di
108 con oltre -10 mila allievi iscritti.

xml | txt