OCR Interpretation


L'Italia. [volume] (San Francisco, Calif.) 1887-1943, July 11, 1918, Image 1

Image and text provided by University of California, Riverside; Riverside, CA

Persistent link: https://chroniclingamerica.loc.gov/lccn/sn85066408/1918-07-11/ed-1/seq-1/

What is OCR?


Thumbnail for

■ an< ! ■*>• M authors by the Act of October „„ ru. tb. ** orflM of Sa „ Cal. —By order of the Preset, A. A. ...rtroon, IV»,Cenerai.'*
*\NO XXXIV
PATRIA E UMANITÀ’
# »»»»»»»»»««<
| n fiu’ Vecchio e Diffuso Quotidiano
t Italiano All'Obesi di York
L’ITALIA PRESS CO.. FROPm«TAmA
lING. ETTORE PATRIZI. omerroßE
118 Columbus Ave., San Francisco, Cai.
TELEFONO DOUGLAS 1646
Indirizzo per Lettere: P. O Box 2554
ENTERED at S F. p. o. A 3 2nd CLASS MAIL MATTER
L’ON. BEVIOm ESALTA
L’AVIAZIONE ITALIANA
Il Capo della Missione aeronautica italiana a Washing
ton accenna alla costruzione di un nuovo motore =
Esalta l'industria italiana dei motori.
Giorni or sono demmo l’annunzio
che il Deputato Giuseppe Bevione,
rappresentante al Parlamento il 4,0
Collegio di Torino, già valoroso ca
pitano degli Alpini nel Trentino,
era arrivato negli Stati Uniti in
qualità di capo della missione mili
tare aeronautica italiana di recente
costituita a Washington.
I,'on Bevione ebbe la lusinghiera
nomina dall'on. Chiesa, commissa
rio generale per l'aeronautica. Egli
rappresenterà cosi l’ltalia in seno
al Comitato (permanente interallea
to per l'aviazione, sedente negli Sta
ti Uniti.
L oti. Bevione, deputato e giorna
lista colto, studioso e pratico, ser
virà certamente il suo paese in un
compito che è arduo e gjave di re
sponsabilità, e da cui può derivare
un efficace concorso ella vittoria
degli Alleati,
Alla sua nomina plaudl tutta la
stampa Italiana.
Il “Giornale d'ltalia” nel darne
notizia scrisse che la nomina del
ibili Bevione ha destato ottima im
pressione nei circoli ipolìtici e gior
nalistici.
L' “Epoca” scrisse; “L’on. Bevlo
ne ò fra i nostri giovani deputati
uno del più acuti e più colti, studio
so di fenomeni, e potrà senza dub
bio rendere 'grandissimi servizi al
nostro Paese.” -
i.a "Tribuna" giudicò negli stessi
termini favorevoli del “Giornale
d'ltalia" la missione affidata all'on.
Bevione.
• •
L litro giorno, nel discutere lo
si ilo attuale dell'aviazione, 11 depu
ta i auuunzlò ohe le officine .Fiat,
di Torino, hanno creato un nuovo
motore d'areoplano della forza di
450 cavalli ridotto a piccole dimen
sini leggerissime e facilmente ma
novrabile.
E' parte della mia missione
disse l'on. Bevione offrire al go
verno americano 1 nostri tipi di mac
chine, motori ed areoplani, che pos
sono adoperare a loro talento.
Altri due motori, infallibili per
sicurezza o di eccellenza riconosciuta
sono il 12A e il 14JC U’uno di 300
e 1 altro di 600 cavalli.
“Ee officine Fiat hanno una pro
duzione così vasta che è un vero pec
• sto ohe non si possano fornire delle
ifre, per non dare informazioni al
nemico.
Basti dire il Commissario Gene
rile lell'Avlazione. dopo aver prov
veduto a tutti 1 bisogni del nostro
esercito è in grado di fornire ai no.-
li FEROCIA UNNA!
( Dispaccio Telegrafico)
'•AIA, IO luglio Cinquanta
l'i Miro ragazzo lavoratrici rimase-
PU ridate allorché nel pomerig
-1" '• oggi degli aviatori tedeschi
1 • Mii|iireno un raid su una stazio
ricovero a Lapaune nel Bel
gio.
1 ‘ ‘ i ul >i gettarono oltre 50 bom
be.
1 M'Mune giace sulla costa del
,'iel Nord, sette miglia dietro
•ole linee degli Alleaci).
u DISCUSSIONE SUL PROI
-SIONISMO AL SENATO
( Ui«|t(«(M‘to Telegrafico)
Si * io Luglio. - I
" Ul * Alleimi delia California e
~se sono scesi in arme contro
otorio emendamento proihizio
.*} Ia lo ßge dogli stanziamenti
-.mili ed hanno nella seduta o
. Ia allerto una discussione in
" 1 o ala legalità di detto emen
dato. Usai sostennero die det
, "andamento non può essere di
-o come parte integrale di una
ni ofle ri Kuarda stanziamenti di
e ’ rappresentando esso una
■a nuova di legislazione vera e
'T a ' . 11 -Senatore Jones del
"* t P 1 11 - accanito proibizionista,
le asserzioni dei due Se
i' ' , e che il Senato sia
i ° “ decidere sulla quostìo
i, ~. ® en «tore Salsbury, presideu
a seduta, si dichiarò della
' o,inione dei Senatori ami
-1 rotbizionlsti.
„. “, tls i al!a rotazione la propo-
Senatore Saulsbury venne
I r u?" 3,5 voti contro 36.
Cj-ì ° sionisti hanno riportato
la loro prima vittoria.
5 CENTS LA COPIA
li’oii. Giuseppe Bevtone
stri alleati qualsiasi numero di mac
chine.
‘‘L'ltalia pud a ben diritto andare
orgogliosa della sua industria dei mo
tori.
“Oltre alla Fìat noi abbiamo altre
tre o quattro grandi stabilimenti do
ve si produce genialmente un gran
numero di macchine.
“Al principio della guerra l'ltalia
aveva meno di cento aeroplani ed
una dozzina di aviatori. Ora ogni gio
canotto vuol volar*.
“L’ltalia ama l’America ed è pron
ta a darle tutto ciò che ha.
“Ha, però, bisogno di materiale
grezzo e ritengo che fra poco l'Ame
rica glielo fornirà.
“Allora potremo mostrare ciò che
sapremo fare nel campo dell’avia
zione.
“La sconfitta sanguinosa dell’Au
stria qon è che una prova di quel che
gli italiani potranno fare, se aiutati
dall'America e degli altri alleati”.
L'on. Bevione rimarrà in Washing
ton alcuni giorni e poi ritornerà a
New York, al Waldorf Astoria.
Fra poco inizierà 1 suoi lavori una
missione italiana per il reclutamento
di aviatori in America.
SUL FRONTE
OCCIDENTALE
Bombardamento tedesco
lungo un fronte di 10
miglia.
(Dispaccio telegrafico)
COLL, ESERCITO INGLESE IN
FRANCIA, 10 luglio L’attacco
nemico della scorsa notte nella re
gione di Villers-Brettoneux fu pre
ceduto da un intenso bombardamen
to della città e del territorio atti
guo. Dalle otto alle nove i tedeschi
eseguirono una sortita contro le po
sizioni di difesa ma furono facil
mente ricacciali indietro.
Vlllors-Brettoneux fu nuovamente
fatta segno ad un violento bombar
damento nelle prime ore di stamani.
11, Maresciallo Ilaigh riporta che
il bombardamento tedesco si fa vio
lento per un fronte di 10 miglia fra
Villers-Brettoneux e l’Anere.
Continuano i duelli di artiglieria
sulla fronte a nord di Montdidler
e al sud dell'Aisne.
I SOLENNI FUNERALI Di
MITCHEL
(niMpnrclo Telegrafico)
NEW YORK, 10 Luglio. New
York ha reso oggi l'estremo omag
gio al suo ex-Sindaco, il Maggiore
Mftchel, morto giorni or sono vit
tima di un accidente di aviazione.
Migliaia e migliaia di pefscme
hanno visitato la salma esposta nel
vestibolo del Muntetelo. Nel po
meriggio di oggi un grande corteo
accompagnerà la salma alla catte
drale di San Patrizio ove saranno
celebrati i funerali religiosi.
Il Presidente Wilson si farà rap
presentare ai funerali dal suo se
gretario Toumulty.
THE ITALIAN DAILY NEWS
L* ITALIA
Organo Quotidiano ed Eco degl’interessi dello Colonie Italiane nella Costa del Pacifico e negli Stati ctelfOvesfr
THE MOST PROGRESSIVE ITALIAN DAILY WITH THE LARGEST CIRCULATION Of ANY FOREIGN PAPER WEST Of CHICAGO
E’ NECESSARIO DI
SALVARE IL VINO
Le proteste ed i sugge*
rimenti di alcuni no*
stri connazionali.
Il Congresso degli Stati Uniti
si sta occupando in questi giorni
della nuova legge colla (piale si
verrebbe a stabilire il proibizio
nismo generale in tutti gli Stati
Uniti vietando anche, a comincia
re dall'anno venturo, la fabbrica
zione e la vendita del vino e della
birra. Noi, come già annunciam
mo, abbiamo sollecitato i Senatori
ed alcuni Congressmen dello Stato
di California affinchè si opponga
no energicamente a quel progetto di
legge e salvino così una delle più
prospere e benemerite industrie di
questo S!*)to nella quale i nostri
connazionali hanno investito mi
lioni e milioni di dollari.
A tale riguardo ci sono giunte
alcune lettere che mentre fanno
plauso all'opera nostra, ci solleci
tano ad insistere affinchè noi u
siamo di quelle influenze che sono
a nostra disposizione per evitare
il minacciato pericolo. In una del
le suddette lettere giunteci da So
noma, Cal., si contengono argomen
ti sensatissimi miranti a mostra
re tutta la ingiustizia ed il grave
errore della suddetta proibizione,
specialmente per quanto riguarda
la vite ed il vino.
• • •
“Agli artidpli pubblicati da
VITALI A ci scrive un italiano
nella lettera su accennata vor
rei aggiungere che sarebbe un'in
famia la proibizione della trasfor
mazione dell'uva in vino. I signo
ri proibizionisti di Washington do
vrebbero sapere che centinaia e
centinaia di italiani, ed anche di
altre nazionalità, hanno sacrifica
to tutta la loro giovinezza ed arri
schiato il loro lavoro c guadagno
per trasformare vaste zone di ter
reno incolto in splendidi vigneti,
smacchiando campi e montagne do
ve non, si poteva coltivare nulla e
dove non potevano camminare neon
che i, cervi. Noi italiani c francesi
che viviamo in questi paesi, abbia
mo mandato i nostri figli alla guer
ra, in Europa oppure nell’esercito
americano, ed i nostri figli nel par
tire hanno lasciato qui magnifici
vigneti che sono il sostentamento
e ()agiatezza delle loro famiglio.
Cosa diranno costoro quando ritor
neranno dai campi di battaglia e
come compenso ai sacrifici compiu
ti ed ai pericoli a cui furono espo
sti, troveranno i loro campi rovi
nati e le loro famiglie in miseria’’.
Un'altra lettera sullo stesso ar
gomento ci è giunta da Fort Bragg,
da parte del Signor Dante Galli,
il quale protesta energicamente
contro la minaccia del proibizioni
sino e invila i connazionali a fare
altrettanto.
“Abbiamo seguito nelle colonne
de I.ITALIA scrive il Calli
la lotta che stanno facendo quelle
pesti di proibizionisti per rovinare
l’industria dei vigneti c del vino.
Ma le proteste fatte fra di noi non
servono a nulla: come giustamente
ha suggerito il vostro giornale, bi
sognerebbe ohe da ogni citta e
contea della California partissero
piotaste presso i Legislafori a U’«-
shingioi! facendo risultare tutta la
ingiustizia ed i danni della proibì
zione assoluta. Bisogna far capire
che anche volendo trasformare le,
nostre vigne in altre coltivazioni,
ei vorrebbero unni ed unni, ed in
tanto ehi ei compensa delle perdite,
chi mantiene le nostre famiglie!
• • •
11 signor Galli ha ragione. K"
inutile protestare fra di tioi: biso
gna rivolgersi ai nostri amici ame
ricani più influenti pregandoli a
loro volta a voler telegrafare a
Washington ai Senatori e Rappre
sentanti al Congresso. Ma biso
gna far ciò senza ritardo, perchè
la legge potrebbe essere approvata
da un giorno all'altro.
IN VOLO OHI SOVRANI DEL
BELGIO
LONDRA. iO Luglio. Re Al
berto e la Regina Elisabetta del
Belgio raggiunsero l’lnghilterra In
aeroplano quando sabato arrivaro
no a Londra in occasione delle noz
ze d'argento dei sovrani inglesi.
SAN FRANCISCO, CAI*, GIOVEDÌ’, 11 LUGLIO, 1918
LA FRANCIA NON E’ SVENATA!
Il suo esercito e' piu' numeroso che nel 1914,
i suoi cannoni sono piu' volte decuplicati,
le sue finanze sono solide, la sua volontà’ di
vincere e' ammirabile.
“La Francia non lia più sangue ;
è svenata", fu ciotto e scritto tante
volte. Annunzio tragica, grave, do
loroso ohe anche noi non potevamo
escludere dal oarapo della verità con
sa|>evoli purtroppo delle conseguenze
ineluttabili a cui é soggetta una na
zione sulla quale un nemico polente
a agguerrito sfoga persistentemente
la sua tremenda ferocia.
"La Francia é dissanguata; non
puf) più reggersi", fu reiterata mente
annunziato al mondo pietoso che nel
la gloriosa Nazione Repubblicana ri
pone ancora la massima fede della
resistenza contro il barbaro aleman
no 11 quale, come un'idra prodigio
sa, sembra fecondare per sé nuova
forza col sangue che gli sgorga dal
le sue innumerevoli ferite.
L’idea terribile che la Francia,
meravigliosa di eroismi, fosse dav
vero prostrata e impossibilitata a
rendere 11 proprio contributo milita
re alla Causa Alleata, con la gene
rosità che la distingue, indusse mol
ti uomini « pensare. Risognava per
ciò indagare intorno la fondatezza
della tragica notizia c bisognava ren
dersi conjto delia realtà autenbiqa
sulle condizioni listone dell’esercito
schierato lungo il Fronte Occiden
tale. Le ricerche del competenti fu
rono lunghe, severe, accurate. Ora
hanno intieramente raggiunto il lo
ro scopo. E dalla Francia stessa
parte un grido, in risposta al pauro
so annuncio sopra riportato, un gri
do che dice;
“Non è vero; la Francia non è
svenata. E’ più torte di prima"
E' più forte di prima, in uomini e
in energie. Anche il suo spirito è
più forte perchè è temprato.
(•■‘iiiuli imicijahili
sofferenze
Innegabilmente, la Francia ha mol
to sofferto, soffre ancora in modo
straziante. Molto «angue è 4iaqi
to dalle vene del suo popolo. L’Ecole
Normale, che è la scuola preparato
ria al corsi universitari, il liceo ita
liano, ha perduto il 70 per cento
dei suol studenti. Significa che qua
si tre quarti dei pensatori, del lette
rati, degli scienziati, dei professori
francesi del domani non esistono più.
Ed 'essi costituivano U fior fiore
della sua gioventù, l’élite delia sua
intelligenza.
A questo si aggiungano le sette
Provincie, costituenti un'area di 20
mila chilometri quadrati, che fu
rono Invase, devastate, saccheggiate.
Ed erano queste sette provincia le
più ricche e prosperose della Fran
cia, le provincie che alimentavano
le sue importanti industrie metal
lurgiche.
l.a Francia dunque ha sofferto as
sai e soffre ancora in modo strazian
te. Ma non è vero che essa è dis
sanguata, indebolita, incapaeitata a
reggersi. La Francia si erge sem
pre fiera, minacciosa, atta a colpire
per difendersi e a castigare spietata
mente il nemico alemanno. I suol
muscoli sono di acciaio, il suo san
gue è denso e abbondante.
L’esercito francese
t'na nazione svenata dovrebbe a
vere il suo esercito distrutto. Eb
bene, l’esercito francese è numerica
mente e fisicamente i(lù forte <ll
quanto non fosse all’inizio della guer
ra. Nel 1914, all’epoca della Mar
na, le annate francesi si componeva
no di 1 milione e mezzo di uomini.
Oggi, vaie a dire dopo 4 anni di
guerra, l’esercito francese è costi
tuito da 2,7.70,000 soldati.
Ma 11 valore delia potenza combat
tiva francese non consiste soltanto
neiia parte numerica del suo eserci
to. Consiste anche nel numero di
cannoni e proiettili coi quali l’eser
cito è difeso, consiste in tutto l’ap
parato bellico da lei lahbrlculo il
quale rende a lei possibile la conti
nuazione della guerra.
I cannoni
della I’’rancia
La Francia, che prima del* 1914
"non possedeva industrie di guerra,
ha adesso in questo ramo la prima
industria del mondo, uguagliata (or- {
se da quella tedesca. Nel 1914, ha
dichiaralo monsieur André Tardieu,
alto commissario francese a Wash
ington, la Francia aveva solo 300
cannoni distribuiti fra i vari reggi
menti.* Nel giugno 1917 l'esercito
francese disponeva di 0000 cannoni,
tutti moderai, infatti durante l'of
fensiva della primavera 1917 lungo
il Fronte Occidentale si trovava un
''annone di grosso calibro ogni 20
metri. Attualmente, se la Francia
volesse allineare tutti i suoi can
noni lungo li suo fronte, fra un .
cannone e l’altro al frapporrebbe un
vuoto di aoli 8 metri.
Nel 1914 la Franchi fabbricava
12.000 proiettili da 75 millimetri al
giorno. ora no fabbrica 250.000, più
100.000 pel calibri pesanti al Rior
no. Tutto questa permise alla Fran
cia non soltanto di difendersi o di
attaccare il nemico, ma di assistere
1 suoi alleati e amici. Infatti fino
al gennaio 1918 essa aveva dato alle
suo Alleate 1,250,000 fucili, 800,000
cartuccia, 16 milioni di fucili auto
matici, 10,000 mitragliatrici, 2500
cannoni pesanti e 4750 aeroplani.
Alla Francia è stato accordato l’ono
re di fabbricare l'artiglieria leggie
ra per l'Esercito Americano la
quale sarA creata con una rapidità
costruttiva di parecchie centinaia di
cannoni al mese.
l’oteii/.iulUà economica
e fimui/iaria
Come si vede, una nazione svena
ta, impoverita, Incapace di riscuo
tere le tasse dal propri! cittadini non
sarebbe certo in grado di affrontare
o risolvere meravigliosamente com
piti cosi colossali. Esaminiamo ora
lo stato finanziarlo della Francia,
Ual 1.0 agosto 1914 al 1.0 genna
io 1918 il Parlamento Francese ap
provò per ino miliardi di lire di
crediti di guerra. l>i questa enorme
somma, solo 10 miliardi furono im
portati, mediante prestiti, dall'este
ro. Il rimanente fu sottoscritto o
versato in forma di tasse dentro l li
mili della Francia, Ma aucbe della
somma di 10 miliardi di prestiti bi
sogna prelevare la metà perchè l'al
tra metà fu dalla Francia prestala
alle sue Alleate. Nel 1917 la tassa
zione In Francia raggiunse una cifra
senza precedenti. Uà questa tassa
zione furono raccolte 6 miliardi di
lire. Tutti 1 contribuenti pagarono
fino all'ultimo soldo nonché 10 mi
lioni di francesi si trovino mobilizza
ti nell'Esercito o nelle fabbriche o
nei poderi agricoli oppure si trovino
di là dalla linea di guerra, nelle re
gioni Invase.
Nel 1915, 1916 e 1917 la Fran
cia emise tre grandi prestiti inter
ni. Quello del 1915 fu di lire 12,-
207,811,597,40 di cui 6017 milioni
furono pagati In contanti o in buo
ni. Quello dell'ottobre 1916 fu di
circa 10 miliardi, metà del quali pa
gati in moneta liquida o in buoni.
Quello del dicembre 1917 ammontò
a 10 miliardi 629 milioni della qual
somma 5254 milioni furono versati
subito In denaro sonante o In buo
ni. fJlrca 17 miliardi di lire in con
tanti furono dunque sborsati In
Francia durante tre anni di guerra,
un ammontare tre volte maggiore
a quello da essa pagato nel 1870 al
la (Prussia come Indeuuità di guerra.
Ora domandiamo ancora so una
Nazione senza sangue e senza ener
gie potrebbe esplicare tante attività,
sopperire a bisogni cosi vasti, sfrut
tare cosi sapientemente ogni suo mez
zo per opporsi all'avanzata del più
potente e agguerrito esercito del
mondo.
La Fruitela è forte
iNo, la Francia non è svenala, non
è vinta. E’ temprata, è più forte di
quanto non fosse all'epoca della
na: ha un esercito numeroso e valo
rosissimo, ha miliardi, ha prodigi di
energie, ha la coscienza della sua po
sizione e ha la volontà Indomita di
vincere, volontà che 6 caratteristica
nel popoli virili e forti, La Francia
sopravvlverà a questa guerra e le
rimarrà ancora quel risparmio di
forze materiali e morali che le per
metterà di sogghignare sulle mise
rie del suo nemico reso imbelle e de
luso, Isolato dalla solidale asso
ciazione delle altre nazioni del mon
do.
VAPORE AMERICANO CHE
SFUGGE Al SOHO, MARINI
( IliiiiNi'dH Teirizrnf ìcmì>
NEW YOltK, 10 I,aglio. I sot
tomarini tedeschi hanno fatto la lo
ro ricomparsa lungo le coste ame
ricane, lii vapore americano pro
veniente dal Chili, giunto quest'oggi
con a bordo Sé passegglerl e 3600
tonnellate di nitrato per munizioni,
fu attaccato presso Cape Henry da
un U Boat. Questo lanciò due si
luri contro il bastimento ma non
colpi nel segno. Il vapore riuscì
a sfuggire un'assassino dei mari.
CIBA PER IL BELGIO
HAVANA, 9 luglio Il Senato
ho approvato la legge che dichiara
festa nazionale cubana il giorno del
l'lndipendenza Belga.
5 CENTS LA COPIA
L’OFFENSIVA ITALIANA
IN'ALBANIA
Lo truppe itali:ino avan
zano nuovamente por
quindici miglia.
( INiontrl I)In|ih«‘oI l’uriloolnrl >
di Albania prosegue vittoriosa l'of
fensiva italiana.
Nella battaglia di lori il nemico tu
severamente battuto su ambo le
sponde del fiume Ostini.
I prigionieri catturati sono fino
adesso 1500. Oli Italiani catturaro
no anche un aeroplano o un grosso
bottino.
I«n cavalleria partecipo all'azlo
ne. La lotta per la conquista del vil
laggio di Fieri fu sanguinosissima.
I nostri hanno conquistata anche la
testata della vallo Tomarlca. Sono
stati distrutti lutti I torti nomici sul
fiume Vernili. 1 nostri si spinsero fi
no ad oriente di l’ogianl.
Le truppe italiane che si trovano
in Albania e in Macedonia sono ol
tre 400,000.
Un comunicato austriaco ammette
cbe l'avanzata italiana prosegue
lungo lo linee del Vermi».
0 0 9
ROMA. 10 luglio 'Le truppe ita
liane hanno raggiunto la sponda oc
cidentale del basso o del medio fiu
me Semeni avanzando circa 15 mi
glia e dirigendosi su ambo lo rive
deU’Osecna.
DOPO LA SCONFITTA
IN AUSTRIA
Il tanaglio albi stampa -
Lo accuso dui panger
manisti :illa coppia
Imperiale.
«Aoafr» Ulßiiacrlo Particolare t
M W YORK, 10 luglio Ward
Price telegrafa al •‘'l'liiioh" die wviv
it' itvsl rlzlonl soliti Main ImpiirUte
ilai govern! ill Iti'rllno e ili Vienna
prolheiiilo alia starnisi ill (Ill'll l'arsi
ili'l in in I tin mi'll tj iii'llo stato maggio
m austriaco,
lai oonsu ni austro-germanica com
pii) «monili sforzi por celare itilo |ns
|Hila/)oii i |n gravità iti'llu sfondila
Milititi! sul l'iuvo.
SI supiMtue però dio fin lo mal
contente p«>|s>lii/.liui| della Itupllfo
Monarchia si sappia ornuii esatta
mente «lolla ululila della Sfondi la.
Ma c corto dio lo agitazioni iutorue
allliielili'i'elilH io i|iialora si sapo.sso
ohe l'oncrclto A sialo Kulilalo ila ||iv
■u rlili Incompetenti,
I giornali ili Violina continuano lui
occuparsi anche ili un proloso scan
dalo olio si diro sla soopplalo In so
no alla famiglia lni|M‘i'lalo. Hi dice
olio la ooppla imperiale stia por di
vorziare. HI dice Inoltro ohe I'liii|mv
i*aliuti Carlo o la Imperatrice /Ila
siano affusati ili “Uaienifflo" italia
no. morsi dio ossi lni|Mtlirono dio
■■olla rooonto hai Inaila ilo! Clave s|
facesse Kfitiuln uso iti kiih asfissian
ti.
l'issi vengono Inoltro arfiisjili ila!
piiiiaoriiianisii ili avaro ordinato dio
1 prigionieri llallanl lontano Imita
li più nnuiiianioiilo.
IL CADAVERE DI MITCHELL
\ NEW YORK
( IHnikm'olo I’Hi u raflco )
NEW YORK, 9 luglio II cada
vere dell'ex Sindaco Mitchell che ri
mane vittima giorni or Mono di un
accidente (It aviazione, à arrivato
(]u 1 qiieata mattina allo 7.
Una dinotata folla si trovava al
la staziono quando arrivò 11 trono
funebre. Il feretro che ora stato
ricoperto colla bandiera americana,
fu collocato sopra un automobile o
scortato da un drappello di poliziot
ti a cavallo, fu trasportato all'ulti
ma dimora di Mitchell.
Domani la salma sarà esposta nel
municipio. Hi preparano al com
pianto cittadino onoranze funebri
solennissime.
Parteciperanno a) corteo 10,000
cittadini. Una squadriglia di aero
plani getterà fiori sai corteo,
IN GOVERNO PROVVISORIO
IN SIBERIA
' * Telfuro^em
TOKIO. 10 luglio E' stato re
staurato In Siberia 11 governo prov
visorio. 1 capi del governo, debita
mente eletti sotto II passato regime
di Kerensky, hanno preso di nuovo
possesso del loro uffici sotto la pro
tezione degli Czeco-Slavl.
Il nuovo governo provvisorio del
la Siberia ha l’appoggio unanime
della popolazione e continuerà a lot
tare contro gli Imperi Centrali. 1
GIUSTIZIA E LIBERTA’
PREZZI DABBONAMENTO
IN TUTTI GLI STATI UNITI. CANADA E MESSICO
Un Anno $6.00 Sei Mesi. $3.25 Tre Mesi sl.7s
IN SAN FRANCISCO
Un Anno $7.00 Sei Mesi $3.60
Tre Mesi 1.80 Un Mese .60
L ITALIA DELLA DOMENICA
Un Anno (Pagamento Anticipato) $2.00
Non si Accettano asronamcnti meno oi Un Anno
•♦♦♦ ♦ ♦ ♦ ♦ • • • * • •♦♦♦»»-
ISSUED EVERY DAY INCLUDING SUNDAY
TELEGRAMMI
DALL’ITALIA
Importante colloquio
Sonnino Page
(Contro I >lft |in<-r lo INirilc«lar«)
ROMA, 10 luglio E’ avvenuto
un lungo colloquio fra 11 Mlnhtro
degli Esteri On. Sennino « l'Amba
sciatore Americano Nelson Unga»
Furono discusse questioni dell»
massima importanza di cantiere in
ternazionale insieme ad altri spoeta
li problemi ttalo-americnnl.
il colloquio sarebbe finito con un
completo accordo.
li Ministro Orlando visita i
Cantieri
l\nntro IM.iumtl» l'arttnilarv)
ROMA. 10 luglio 3. B. l'On.
Orlando, insieme al Mtntetro del
Trasporti on. Villa, ha intrapreeo li
na ai principali cantieri per
incitare allo nuove costruzioni na
vali.
Il processo pel disastro del
la “Benedetto Brio 44
(Nontru IHa|>nu<>lo rnrUndarri
ROMA, 10 luglio font Inna U
processo contro gli accusati dell’af
fondauieiito della "Benedetto Urla”.
11 primo testimonio dell'accusa, cer
to Cesare Merlotti, ha fornito «chine
danti prove a carico del marinai
Hertolini. Meschini, Azzonl, Casati u
rl e Corsi. Esso ha dichiarato eh»
Il complotto fu organizzato da n
gentl tedeschi a Venezia.
I>eltl agenti fornirono 85,000 li
re pii! l’ordegno Infornate che pro
voco l'affondamento della nav» nel
porto di Brindisi.
Saranno chiamati a deporre an
che gli Ammiragli Canevaro »
Trlangi, del generali dei Ueulo Na
vale e 11 Ministro Salvatore Orlan
do.
Cerimonia patriottica «
a Venezia
(N»«trn llln|mm*«’|u l'articolar* >
RK>MA r 10 Itiklio Il Sindaco di
Venezia ha consegnato il gonfalone
ili Sun Marco al 22&.a reggimento
fanteria della Drlgutu Arozzo, Il
qualo, avanzando a Capoeile, contri
buì a rafforzare la sicurezza di Ve
nezia
Dimostrazione al Consiglio
Comunale di Roma
<>ontro l'Brllrvlar# »
ROMA, 10 luglio All'odierna
riunione del I'oiimlkllo Comunale la
Campidoglio il Consigliere llruschi
ha esaltato In vittoria del Piave ed
lui salutalo l'eroismo dell'Kaerclto
italiano. Chiese che il (««verno
questri il Palazzo Caffarelll che A
una vera fortezza germanica.
Il Sindaco Colonna si assodi*
chiedendo die cessi l'ignominia di
Palazzo Caffarelll poichA fra noi
non A possibile altro trono che
quello di Roma.
Fra gli applausi del pubblico in
via a nome di Roma uu saluto ol
l'esercito vittorioso.
Fra il Re e l'Onorevole
La (ìuardia
i Vinfro lllaparrlu l'n itrolarAl
ROMA, I•» luglio 11 deputato
americano Fiorello ha Guardia, avia
tore, ha telegrafato al Ite ringra
ziandolo per la consegna della m»-
daglla d'argento al valore fatta per
sonalmente agli aviatori umerlcaat.
Il Ite gli rispose:
“Sono molto lieto di aver potuto
decorare lo stesso I suol cinque valo
rois commilitoni. Si abbia 1 miai mi
gliori saluti".
Sul fronte italiano
O nMro l*nr (Irolar* t
UOMA, 10 II bollettino odier
no annunzia die I duelli' di artiglia
rla si sono fatti più Intensi nel set
tori dell'altipiano di Asiago « dei
Monte Grappa.
Per un Eroe Boemo
<\»H(ro IHmmicHo l a Hrtlr»lar*t
ROMA, 10 luglio ih’on. Huffiat
ha oggi commemorato al Teatro Na
zionale l'eroe boemo John Huns. As
sistevano alla cerimonia i Ministri
Dissoluti, Uerenlni e Dar! e gli Am
basciatoti d'lnghilterra e di Ame
rica.
IL KAISER HA L’INFLUENZA
(Neutro l>U|iit<-«-a« ■*srtleolU*)
PARIGI, 10 Ungilo. h'hn pa
rature Guglielmo è stato colpito dm
un attacco d'influenza, malattia eh*
aderisce in mezzo alle eue tram*
NUMERO 192

xml | txt